Menu

Autista

Vendi la tua anima ad Aladar FFM:

MEEZ

Meez 3D avatar avatars games

Categorie

Archivio

Contatori

© 2012 BlogName - All rights reserved.

Firstyme WordPress Theme.
Designed by Charlie Asemota.

Eleganza

28 febbraio 2006 - Author: velenero

Per noi un arbitro deleganza è David Beckham: guardate quello che indossa, come si pettina e fate esattamente il contrario.

Alexander Kapranos
Cantante dei Franz Ferdinand

4 commenti - Categories: massime

Speranza

27 febbraio 2006 - Author: velenero

puglielliSono passate due settimane da che ho scoperto dellesistenza e del valore di Eros Puglielli… e questuomo continua a sorprendermi.
E ormai imminente luscita del suo nuovo film, destinato direttamente al mercato dellhome video.

"E cosa cè di così sorprendente?" ci si potrebbe chiedere.

La sorpresa è il metodo produttivo messo a punto dal regista per la realizzazione del film: The CoProducers.

Se la cosa dovesse rivelarsi più di una bolla di sapone, potremmo trovarci davanti allinizio dello scossone che lindustria (?) cinematografica italiana aspetta da troppi anni.

7 commenti - Categories: l autre visage du cinéma

Alberto Grifi

25 febbraio 2006 - Author: velenero

grifiQualche anno fa ho avuto lonore di conoscerlo di persona…

Grazie a Diderot vengo a sapere che finalmente si sta cercando di smuovere le acque per dare un giusto riconoscimento ad uno dei massimi talenti viventi del cinema italiano.

[se ne parla anche da Ed]

Update:
Su invito di Ed (alias Amaretto), spendo due parole sul mio incontro con Grifi.

E stato ai tempi delluniversità, quando, durante le lezioni, intervenivano ospiti più o meno illustri del mondo dello spettacolo; Grifi era uno di questi. La maggior parte dei miei colleghi era annoiata e/o infastidita, perché si parlava di cose che non conoscevamo. Ma lospite era così squisito e disponibile che la sua chiacchierata con gli studenti è andata ben oltre lorario delle lezioni… alla fine eravamo rimasti in cinque o sei, tutti ipnotizzati dai suoi aneddoti, dalla sua lucidità e dal suo senso pratico. Cè una sua considerazione che ricordo con particolare tenerezza, che faceva più o meno così:

"Voi giovani aspiranti registi indipendenti avete a disposizione la pulizia e la qualità del digitale, eppure manipolate le immagini e le sporcate per farle somigliare a quello che noi facevamo trentanni fa… ma noi quelle cose le facevamo perché non avevamo nè soldi nè mezzi…!" Che uomo!

2 commenti - Categories: personaggi

Dubbio 9

24 febbraio 2006 - Author: velenero

…e se avesse ragione Samuel Beckett?

1 commento - Categories: dubbi

New Wave à la française

- Author: velenero

IndochineSimpaticamente sconosciuti in Italia, sono una delle band più rappresentative del rock francofono… anzi, secondo alcuni SONO il rock francofono: gli Indochine.

Attivi dai primissimi anni 80, hanno attraversato gli esordi new wave, la popolarità negli ambienti indie, il successo commerciale, i live con fiumi di folla, i cambi di organico, gli anni 90, i lutti, le rinascite e la definitiva entrata nella leggenda.

Per farsene una prima idea, consiglio lascolto dellalbum live 3.6.3 (abbastanza recente) o il primissimo album L’aventurier (che suona così romanticamente synthpop).

Brano da “intorto” assicurato:

The video cannot be shown at the moment. Please try again later.

J’ai demandé à la lune

J’ai demandé à la lune
Et le soleil ne le sait pas
Je lui ai montré mes brûlures
Et la lune s’est moquée de moi
Et comme le ciel n’avait pas fière allure
Et que je ne guérissais pas
Je me suis dit quelle infortune

Et la lune s’est moquée de moi

 

J’ai demandé à la lune
Si tu voulais encore de moi
Elle m’a dit “j’ai pas l’habitude
De m’occuper des cas comme ça”
Et toi et moi
On était tellement sûr
Et on se disait quelques fois
Que c’était juste une aventure
Et que ça ne durerait pas

 

Je n’ai pas grand chose à te dire
Et pas grand chose pour te faire rire
Car j’imagine toujours le pire
Et le meilleur me fait souffrir

 

J’ai demandé à la lune
Si tu voulais encore de moi
Elle m’a dit “j’ai pas l’habitude
De m’occuper des cas comme ça”
Et toi et moi
On était tellement sûr
Et on se disait quelques fois
Que c’était juste une aventure
Et que ça ne durerait pas

3 commenti - Categories: scaffali

T.V.U.M.D.B.

22 febbraio 2006 - Author: velenero

60tvPrendo spunto da un post pubblicato da Matteo Bordone nel suo blog per integrare una serie di considerazioni su un argomento di cui di solito evito di parlare: la tv.
A Vacis che legge Rilke a Totem, aggiungerei Paolini che monologa vajonteggiando (anche lui mandò in fermento lauditel) ed il teatro in tv in generale (prima che lo relegassero alla terza o quarta serata).
I segnali di una certa voglia di qualità da parte del pubblico ci sono e sono abbastanza visibili; il punto però è un altro: finché si continuerà a dare rilevanza mediatica alla merda, spesso per parlarne male, continueranno a somministracene altra, calda e fumante. Parlatene male, ma parlatene… quanta gente ha basato la propria carriera su questo concetto?
Quanta pubblicità gratuita si continua a fare a gente che meriterebbe di restare nellanonimato? (penso, per esempio, alliniziativa di far diventare ospite fisso il "triccheballacche")
Si dovrebbe fare come fanno a Dispenser: parlare bene di cose che ci sono piaciute ed ignorare totalmente ciò che non ci è piaciuto, perché parlarne non ha senso.

8 commenti - Categories: civitas

A vita bassa

20 febbraio 2006 - Author: velenero

vitabassaProfessore lei non sa
dice oggi Monica
Che la personalità
Se la può permettere
Se la può concedere
Solo una piccola élite
Il cantante, lattore, eccetera eccetera

…e in questi casi le ibridazioni non hanno mai funzionato. Forse sto diventando classista, ma ho ormai la certezza che chi fa un certo tipo di lavoro assume una certa forma mentis… e hai voglia a dire:

No, però io nella mia vita privata faccio questo, faccio quello…

perché tutte queste paroline dolci, cariche di buone intenzioni, vengono puntualmente smentite quando certa gente si trova a dover affrontare delle situazioni che esulano dalla piatta normalità.

Un mio amico medico argentino divide entomologicamente le persone in due categorie: vertebrati ed invertebrati.

I vertebrati, secondo lui, sono quelli che riescono ad attraversare ed ad affrontare la vita affidandosi solo alla rigidità della propria spina dorsale; gli invertebrati, invece, sono quelli che hanno bisogno del "rinforzino": una corazza, ununiforme (molto spesso nera, come quella degli scarafaggi), senza la quale sarebbero solo un informe zainetto pieno di organi.

5 commenti - Categories: costumi

Dubbio 8

19 febbraio 2006 - Author: velenero

Si può sperare di ottenere onestà da chi non sa essere onesto neanche con se stesso?

3 commenti - Categories: dubbi