Menu

Autista

Vendi la tua anima ad Aladar FFM:

MEEZ

Meez 3D avatar avatars games

Categorie

Archivio

Contatori

© 2012 BlogName - All rights reserved.

Firstyme WordPress Theme.
Designed by Charlie Asemota.

Oh, to be the cream!

14 febbraio 2006 - Author: velenero - 2 commenti

Sobrietà è la prima parola che mi viene in mente se ripenso al concerto dei Bauhaus, ieri sera a Milano.

Temevo di trovarmi davanti delle vecchie cariatidi che facevano la parodia di se stesse più di ventanni prima ed invece cerano la musica, lo spettacolo e lemozione.

1

Che Peter Murphy fosse un grande istrione, lavevo già appurato questestate al suo concerto solista… ero perciò curioso di vedere come si sarebbero comportati gli altri membri del gruppo.

Niente pose o abbigliamento da rockstar cupe e decadenti… certo, erano vestiti di nero, ma senza quel corollario che renderebbe ridicolo chiunque vada per i cinquanta.

Avevo già visto dei live in video, ma solo ieri ho avuto la dimostrazione che Daniel Ash può fare emettere qualunque suono alla sua chitarra (fenomenale quando la suona con larchetto!), dimostrando uno stile ed unispirazione che dovrebbero servire da lezione a tutti quegli artisti che maneggiano campioni e suoni sintetizzati, sentendosi "taaaaaanto sperimentali".

3

La sezione ritmica di Kevin Haskins si è impreziosita di nuovi suoni (non vado oltre, perché non sono allaltezza di recensire lesibizione di un batterista).

Il pezzo forte del gruppo è stato sicuramente David J… penso che il basso sia uno degli strumenti più sottovalutati della storia della musica… ed è bello pensare che esistano bassisti così, che dimostrano tutta la loro bravura senza lasciarsi andare a barocchismi gratuiti; i giri ipnotici del basso di J sono la vera anima della musica dei Bauhaus.

2

Non sono mancate le sorprese: una cover di Trasmission dei Joy Division (forse più bella delloriginale… scusa Ian Curtis!), lattesissima Ziggie Stardust (con contorno di "disattesa" finale) e Bela Lugosis dead, durante la quale Peter Murphy "vampireggiava" indossando un lungo cappotto nero, pur avendo scritto chiaramente in faccia: "Ragazzi… non prendeteci sul serio, stiamo solo giocando!"

Finito il concerto, si sono accese le luci e mi sono trovato in mezzo al popolo gotico, confluito allAlcatraz da tuttItalia, diversi stili nellabbigliamento, diverse età, ma la stessa espressione soddisfatta in viso.

4

 

Categories: feticci

Discussion (2 commenti)

  1. by utente anonimo

    l’opzione d) poteva essere il concerto…bluelines ;) ))

  2. ti invidio un sacco carissimo!

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>