Menu

Autista

Vendi la tua anima ad Aladar FFM:

MEEZ

Meez 3D avatar avatars games

Categorie

Archivio

Contatori

© 2012 BlogName - All rights reserved.

Firstyme WordPress Theme.
Designed by Charlie Asemota.

Christian Brecht

7 marzo 2006 - Author: velenero - 2 commenti

brecht-weillEvito di dilungarmi troppo sulla loro storia: i Christian Death sono stati tra i più rappresentativi esponenti del goth americano… almeno finché a guidarli cera Rozz Williams…
Quando questi decise di dedicarsi a progetti solisti, le redini della band passarono in mano a Valor, il chitarrista; questo insulso personaggio è riuscito a produrre alcuni dei dischi più brutti ed inutili della storia della musica rock…
Chi si sarebbe mai aspettato che un gruppo popolare per la sua teatrailità mortifera e per scelte estetiche che debordavano nella blasfemia avrebbe fatto uno dei più begli omaggi a Bertolt Brecht e Kurt Weill?

Lament (over the shadows) è un delizioso duetto uomo-donna, cantato per metà in inglese e per metà in tedesco (con un buffo accento californiano), supportato da uno splendido testo in cui si parla damore in una maniera molto agée e tutti gli amanti dellOpera da tre soldi di Brecht o delle songs di Weill dovrebbero ascoltarlo almeno una volta.
Rozz Williams aveva classe, è un peccato che se ne sia andato.

Jahr aus und jahrein will ich warten
Tag fur Tag bist Du mit mir
Zogst Du auch mit den Soldaten
So Tanz ich, mein Herz, mein Liebster mit Dir

Und bist Du auch noch in der Ferne
Ist die Nacht noch so nah
Am Himmelszelt seh ich die Sterne
Deine Augen, so funkelnd, so klar

Sing to me like so many faces
In your eyes
The lies you told me too
These faces old and these faces cold
As the air I breathe

And bring to me the tongue of fire
That I once knew,
All the sombre shades of you
Shadows we once built so handsomely
Now somewhere out of reach

Jahr aus und jahrein will ich warten
Tag fur Tag bist Du mit mir
Zogst Du auch mit den Soldaten
So Tanz ich, mein Herz, mein Liebster mit Dir

Und bist Du auch noch in der Ferne
Ist die Nacht noch so nah
Am Himmelszelt seh ich die Sterne
Deine Augen, so funkelnd, so klar

(N.B.: la grafia della parte in tedesco non è corretta)

Categories: scaffali

Discussion (2 commenti)

  1. Mi hai convinto, ascoltavo i Christian Death negli anni ottanta poi ho cambiato orientamento.Prof.Spalmalacqua

  2. Gusti belli tosti, Prof!…e dopo il pentimento, verso cosa ti sei orientato?

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>