Menu

Autista

Vendi la tua anima ad Aladar FFM:

MEEZ

Meez 3D avatar avatars games

Categorie

Archivio

Contatori

© 2012 BlogName - All rights reserved.

Firstyme WordPress Theme.
Designed by Charlie Asemota.

Puoi scoparti chi ti pare in dieci semplici lezioni

2 marzo 2007 - Author: velenero - 16 commenti

Rodolfo ValentinoDi recente mi sono trovato a dover visionare i dvd di una collana editoriale (libro + dvd) sulle tecniche motivazionali (o motivanti o motiviste o chissà cos’altro), che suppongo finirà in edicola…

Quel tipo di cose che suonano tipo “Diventa un leader, ottieni ciò che meriti in ambito lavorativo…” e cose del genere.

Tra i vari argomenti affrontati, ci sono anche le “tecniche di seduzione”…

C’è una frase che mi ha colpito molto, la cito a braccio perché non ho più a disposizione i materiali da cui è tratta:

Dobbiamo innanzitutto mettere in evidenza la disparità che c’è fra i sessi in ambito seduttivo: una donna, per quanto incredibilmente brutta, può andare in un bar e, dimostrando una certa disponibilità, rimedierà comunque qualcosa. Invece un uomo, per quanto di bell’aspetto, dovrà faticare molto di più.

PER UN UOMO SCOPARE E’ SEMPRE UN LAVORO, PER UNA DONNA E’ UNA SCELTA.

(il maiuscolo non è mio)

Non so… forse sono un inguaribile romantico, ma quando penso al concetto di seduzione, mi vengono in mente diverse cose che vanno oltre alla scopata occasionale (che io, usando un francesismo, definisco come mero “svuotarsi le palle”)… tenendo presente almeno 2 cose:

  • per ottenere una scopata occasionale ci vuole davvero poco, a prescindere dal fatto che tu sia uomo o donna… e non è necessario sfoderare particolari tecniche seduttive;
  • non credo che esistano tecniche seduttive universalmente valide… ognuno sviluppa le sue e non è detto che queste funzionino con tutte le donne su cui le si userà…

Ora, mi piacerebbe sentire altri pareri sulla validità della teoria esposta sopra (vi prego però di spogliarvi di ogni ipocrisia e di non commentare con frasi fatte); ma quello che mi colpisce e mi disturba è che in quel dvd si promette di illustrare “tecniche seduttive” e si finisce per parlare di “scopare”… ed è triste pensare che questi due concetti così lontani finiranno per diventare una cosa sola nella testa degli sprovveduti che compreranno quei dvd…

Categories: civitas, costumi

Discussion (16 commenti)

  1. by Nandina

    questo post l’hai scritto per entrare nelle ricerche di google… ammettilo! :-)

  2. by Nandina

    ok, ora rispondo sul serio.
    Sono un’inguaribile romantica anche io, e forse per questo, perchè mi si legge(va) in faccia, la scopata occasionale non è stata mai cosa per me… (non faccio la santarellina, anche volendo non mi impegnavo abbastabza evidendentemente, oppure ero cozza e basta :-P ).
    Tecniche di seduzione? Di solito sono quelle inconsapevoli, magari fai una battuta autoironica e quello ti prende subito per una che ha bisogno di attenzione e di protezione, altrimenti non t’avrebbe filata per niente… e invece quando sei convinta d’aver sfoderato tutto il tuo sex appeal con mise aggressiva e trucco, vai in bagno e ti accorgi che sembri un panda perchè ti sei sfregata gli occhi dimenticandoti del trucco.

    Diciamo quindi che condivido la tua teoria, non siamo tutti uguali, non ci sono tecniche che valgono per tutti e per tutti i momenti (componente in più, anche ammesso che uno/a riesca a capire che tipo di persona ha davanti, non è detto che riesca a capire da cosa si farebbe sedurre in QUEL preciso momento).
    Insomma, a volte mi son fatta conquistare da uno con la parlantina sciolta, la battuta facile e lo sguardo vispo, anche se magari non era proprio belloccio, altre invece ero in cerca del complimento facile e della “frase fatta”.
    La migliore tecnica non tecnica? non essere interessati a una scopata, che non significa “fingere di non essere interessati”, ma non esserlo davvero. Quando una persona è sè stessa, sciolta, al suo meglio e non ha nessun preciso obiettivo in mente di solito fa conquiste senza nemmeno accorgersene, a volte senza persino volerlo.
    Che poi esista una bella differenza tra la scopata occasionale (per la quale non c’è vera seduzione, ma più probabilmente due bisogni che si incontrano) e la seduzione, che è la conquista dell’altro, fosse anche per una notte, siamo d’accordo, ma lì, secondo me, c’è reciproca seduzione, probabilmente chi è convinto di sedurre è stato inconsapevolmente sedotto per primo a sua volta…
    Ora la smetto altrimenti Alberoni perde il posto sul Corriere e chiamano me, non sia mai! :-D

  3. Come tu ben sai, sono contraria ad ogni tecnica e soprattutto a queste regole secondo cui una donna è facilitata nel sedurre. Credo che, se si ambisce a raccattare qualsiasi cosa, chiunque sia in grado di farcela. Ovvio che l’aspetto fisico aiuta, ma indipendentemente dal sesso. Riguardo alle tecniche, la maggior parte delle volte risultano grottesche.

  4. by emmart

    Uhm.
    Direi che è meglio l’audiocassettina motivante che si ascolta Kevin Kline nel film “In & Out” :D

  5. by Rea

    Sull’essere un’inguaribile romantica, per quanto mi riguarda, davvero non saprei e a 30 anni è abbastanza triste. Alla domanda ‘La più grossa pazzia fatta per amore’. Io risposi:’Scegliere di andare a studiare a Bologna’. Mi diedero della squallida e poco romantica. E vai a spiegare che avevo deciso a 16 anni che mi sarei iscritta al Politecnico di Milano, che sono una gran testarda e che quella scelta per me rappresentò una grossa rinuncia nonchè un duro sacrificio. Per fortuna, la persona per la quale lo feci, mi conosceva molto bene e sapeva cosa significasse un gesto del genere per me che sono solitaria, non amo i rapporti asfissianti e via dicendo. Tutta questa prosopopea sul mio vissuto per dirti che ciò che fa la differenza è l’obiettivo. Vuoi (tu retorico, ovviamente!) svuotarti? Bene, appronta quelle dieci tecnichette (proporti in maniera educata, fare della brillante conversazione, far sentire la tipa unica, bellisssima, attizzantissima, ecc…) basilari modellandole sul tuo carattere e i tuoi punti di forza, esci, provaci con le dieci tipe più brillocce (ovviamente nel tuo stesso mood mentale da rimorchio e si riconosce, accidenti se si riconosce!) che vedi e, sicuramente, con una qualcosa la combinerai. L’obiettivo è d’altro tipo (non parliamo d’amore, ma che so sesso un pò più aulico)? Eh, allora, come m’ha insegnato il Coinqi psicologo (pessima categoria), la cosa cambia. Ogni rapporto a due ha le sue dinamiche, le sue peculiarità; insomma, è una cosa a sè stante e non c’è norma, a mio avviso. Entrano in gioco le affinità, le corrispondenze… Insomma, è il campo del vero organo di seduzione, ovvero il cervello. E mi fermo qui, altrimenti Alberoni si incazza sul serio. Ah, chiedo scusa per le parentesi, ma sono confusionaria e vado di fretta.

  6. by *rain*

    Più che inguaribile romantica,io mi ritengo un’inguaribile imbranata.
    Mi accodo ad ogni modo sia a Rea che a Nandina (specialmente sul giochino degli occhi a panda), mi permetto solo una parentesi:
    Da quando la seduzione è un gioco meramente fisico?
    io trovo che una delle cose più seducenti del mondo sia il cervello,e che l’unico buon consiglio che sarei in grado di dare a qualcuno per corteggiare (non scopare,corteggiare) una donna è quello di essere se stesso senza subito mettere in piazza le cose peggiori.
    Un misto di sincerità e paraculismo,forse, giusto per il primo momento,lasciando che un po’ alla volta ci si scopra e si veda se si è affini (e non è matematico)

  7. by Ed

    Vele, sono un maialino, lo sai, ma romantico, quindi non posso che essere d’accordo con te.
    A me delle tecniche di seduzione non frega niente. Fanno parte della personalità. Se le si “apprendono” non sono più vere. Lascio che le studiano gli altri/le altre.

  8. by Carmelo

    Si tratta di tecniche di programmazione neuro-linguistica, mixate con un bel pò di retorica e di tecniche di marketing.
    Stupidaggini da segaioli che ho visto anche io, dato che lavoro nella pubblicità.
    Ma non è il peggio che si possa trovare in giro:
    conosci “il bucefalo d’acciaio”, manuale di “ingrossamento penineo e tecniche sessuali”…?
    ;-)

  9. Mah, penso che in ambito erotico tutto ciò che è costruito, programmato e cercato si risolve nello squallore più assoluto.
    Un saluto

  10. le tecniche hanno senso solo per facilitare un timido a fare il primo passo, o per cercare di farsi notare… poi sono inutili

  11. by alex

    noblesse oblige.

  12. by Giuli

    Ma come fa ad eserci gente che s’arricchisce vendendo sto stronzate???? E soprattutto, come fanno ad esserci dei disperati che le comprano????
    Scusa, non ho risposto alla tua richiesta di fare commenti intelligenti. Ma mi pare che tutto sia gia’ stato detto a riguardo.

  13. by carmen

    Non sono assolutamente capace a sedurre e se mai lo avessi fatto non me ne sono resa conto la mia amica mi ritiene tonta fino al punto di non capire mai quando qualcuno è interessato a me non me ne accorgerei (sempre a detta sua) nemmeno se me lo appoggiasse in fronte (ehh ho l’amica che usa spesso francesismi) anzi io arriverei a spostarlo perchè mi impedisce la visuale .. quindi con questa prefazione credo proprio di non sapere bene se esiste o meno una tecnica di seduzione giusta ma credo cmq che oggi come oggi anche per l’uomo se volesse, come hai definito tu, svuotarsi le palle non sarebbe poi cosi difficile ma questo centra ben poco con la seduzione o con l’approcio romantico!! Bene io non rileggo nemmeno quel che ho scritto so gia che non lo capirei :D in caso lo capisci tu fammelo sapere :D

  14. by Morgan

    Ciao,

    c’è bisogno di dare voce ad un’iniziativa importante che trovi sul mio blog a favore di un senzatetto, se puoi e vuoi, ti pregherei di darne notizia e farlo sapere ai tuoi contatti.
    Un grandissimo grazie.

    Morgan

  15. Fammi capire…hai mica presente Tom Cruise che fa il motivatore in “Magnolia”?

    …e mi dici che esiste relamente materiale simile? Nella realtà vera?
    Mio Dio, come stiamo cadendo in basso!

  16. by velenero

    @NoiVoiLoro: il problema è che il personaggio di Tom Cruise era ispirato a personaggi realmente esistenti… purtroppo i “motivatori” esistono da secoli…

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>