Menu

Autista

Vendi la tua anima ad Aladar FFM:

MEEZ

Meez 3D avatar avatars games

Categorie

Archivio

Contatori

© 2012 BlogName - All rights reserved.

Firstyme WordPress Theme.
Designed by Charlie Asemota.

Parcheggio per velieri #2

27 luglio 2007 - Author: velenero

C’è stato un momento, più o meno 2 anni fa, in cui TUTTO sembrava finalmente andare per il verso giusto.

Qualcuno vive nel costante terrore dell’arrivo di un grande dispiacere dopo una grande felicità… ma, pare, che questo modo di porsi nei confronti della vita, renda pronti ad affrontare qualunque cosa.

Io, a volte, mi accontenterei di un po’ banale normalità.

Anche quest’anno, parcheggio il veliero e prendo un aereo… o meglio, stavolta prendo prima un treno e poi un aereo.

Me ne vado in Calabrifornia, da mammà e papà… esattamente come andare ai tropici, ma la cucina è migliore.

Ma prima varerò un progetto di cui, per scaramanzia, non parlo… (non subito, almeno).

Buone vacanze a chi va in vacanza, buon lavoro a chi lavora e buon rientro a chi rientra.

Mi sembra di aver detto tutto… ci si vede o ci si sente nella seconda metà di agosto… forse riuscirò a collegarmi prima, ma lo farò con un modem a criceti.

Ah… aggiungo un paio di particolari per rendere questo post un tantinello più web 2.0…

Il mio avatar “spiaggistico” (che potete ammirare anche nella colonna dei widgets):

Paco_spiaggia

…e la colonna sonora di queste vacanze:

The video cannot be shown at the moment. Please try again later.

Sì, proprio la canzone che non riuscivo a trovare in streaming un anno fa… quante cose sono cambiate!

20 commenti - Categories: agenda mondana, vita da blogger

I racconti di zio Velenero (9): Alle dame del Castello piace fare solo quello

26 luglio 2007 - Author: velenero

raccontiLa scorsa settimana sono stato convocato in uno dei tanti uffici del Castello.

Avevo appuntamento alle 9; arrivai alle 9 meno 5 e trovai un gruppo di impiegati radunati nell’atrio, con una strana espressione sul volto.

“Cosa vuole lei?” mi chiese un’impiegata.

“Ho un appuntamento alle 9 con la signora B.”

L’impiegata mi indicò una fila di sedili imbottiti dove avrei dovuto sedermi per aspettare di essere convocato.

Passò del tempo, durante il quale il mio sguardo si perse nella scollatura della tizia seduta di fronte a me.

Dopo un po’ arrivarono altre due impiegate a farmi la stessa domanda della prima.

“Ho un appuntamento con la signora B.” dissi indicando il nome scritto sul foglio che avevo in mano.

“Ah… – disse una delle due – sono io… ma ci sarà da aspettare un po’…”

Fece una pausa durante la quale rimase con lo sguardo fisso nel vuoto.

“Ha capito cosa sta succedendo?” mi chiese.

“No…” risposi lievemente spiazzato da quella domanda.

“Bene… – disse con soddisfazione – …è meglio che non sappia nulla.”

Se ne andò, lasciandomi solo con la scollatura della tipa.

Passò dell’altro tempo, arrivò un’altra impiegata e mi disse che la signora B. mi aspettava nel suo ufficio.

Entrai e mi sedetti in una delle sedie di fronte alla scrivania della signora B.; cominciammo a parlare della pratica che dovevamo portare avanti…dopo qualche minuto la signora B. s’interruppe.

“Va bene… – disse con un sospiro- …glielo dico cosa sta succedendo: stamattina, negli uffici del Castello, è stato avvistato un topo… ma non un topolino… uno di quelli belli grossi…”

“Ah…” commentai.

“Ha paura…?” chiese la signora B. preoccupata.

“Io? No… solo delle cavallette…”

10 commenti - Categories: i racconti di zio velenero

Difetti dell’avere un blog #1

25 luglio 2007 - Author: velenero

Se a leggere il tuo blog sono persone che conoscono approfonditamente la tua vita privata, capita spesso che fraintendano (in parte o del tutto) il significato di certi post ed arrivino a conclusioni campate in aria.

Ovviamente lo fanno in buona fede, ma è imbarazzante dover dire loro:

“Guarda che non hai capito un cazzo!”

18 commenti - Categories: varie

Spigolature…

21 luglio 2007 - Author: velenero

commediaIn questi giorni non sto seguendo come vorrei i commenti ai miei post… troppe cose da fare e troppo poco tempo per farle… così qualcosa finisce per essere trascurata.

Facciamo una serie di puntualizzazioni:

  • Una larga parte delle lettrici femminili (le più belle) ha mostrato una certa perplessità circa il colore delle macchie sulle mutande oggetto di questo post… cosa posso dire? Ammetto di non aver mai prestato attenzione al colore delle macchie che si possono trovare sulle mutande femminili, ma in questo caso mi sono limitato a riportare una storia esattamente come è stata raccontata a me… nel racconto originale le macchie erano viola ed è un caso che il viola sia anche il colore preferito di questo blog.
  • La storia via sms con la giurista 29enne (che ha però un’età mentale palesemente inferiore a quella biologica) non è proseguita; se ci fossero stati sviluppi, mi sarei guardato bene dal rendere pubblica la cosa qui nel blog.
  • Le regole dell’attrazione (ammesso che esistano davvero delle regole) funzionano attraverso una meccanica che mi sfugge. Ed è una soddisfazione constatare che gli anni passati a studiare la Commedia dell’Arte non sono stati sprecati.

9 commenti - Categories: autoreferenziale

…e aspetto un SMS come se piovesse #2

19 luglio 2007 - Author: velenero

Leggi la prima parte

Passa quasi una settimana da quel mio ultimo messaggio privo di risposta; io me ne stavo in ufficio bel bello ed avevo totalmente rimosso lo scambio di messaggio avvenuto la domenica precedente. Il segnale acustico del cell mi avvisa che ho ricevuto un SMS:

Ciao Paco… mi chiedevo come mai non avessi più risposto… un po’ mi è dispiaciuto… più che altro perché la cosa mi aveva incuriosita, sai?!

Ci ho messo un paio di minuti per capire chi era il mittente del messaggio… che gatta morta! Le rispondo che la nostra conversasione si era conclusa quando io le avevo chiesto per la seconda volta il nome… e, visto che lei non mi aveva risposto, avevo pensato di essere stato inopportuno e preferivo non insistere.

Invece ti ho risposto. Mi chiamo A. E comunque ti avevo inviato un nuovo sms chiedendoti qualcosa di più… ma niente!

E già! Affidarsi alla tecnologia fa sì che i messaggi non arrivino… mi chiedo quante altre volte messaggi sicuramente più importanti di questi non mi sono stati recapitati, facendo prendere una certa direzione alla mia vita piuttosto che un’altra… vabbè… le propongo di scriverci via mail, ché forse è più affidabile…

Ok… appena posso volentieri… ma potrei… sempre per curiosità… avere qualche dettaglio in più… l’età per esempio…

Uhm… e che le rispondo? Questa è una ragazzina… se le dico 32 si spaventa e scappa… le dico una palla… sì, le dico 29… che è quasi la verità, però c’è ancora il 2 davanti e fa meno paura… sì, 29!
A quel punto mi arriva il messaggio che ha fatto vacillare la realtà sotto i miei piedi:

Anch’io. aprile 78

Ora… vi invito a rillegere il precedente post e poi di nuovo questo, alla luce del fatto che la tipa ha 29 anni… percepirete anche voi qualcosa di sottilmente grottesco… più o meno la stessa sensazione che si proverebbe a pettinare la criniera di un MioMiniPony

Leggi la prima parte

21 commenti - Categories: contest, personaggi

The Dragons

18 luglio 2007 - Author: velenero

dragonsTempo fa, recensendo il nuovo album degli Editors, mi lamentavo della loro decisione di abbandonare quelle suggestioni vicine ai Joy Division per orientarsi verso un suono più “U2 style” (che palle!)…

Ecco, a chi fosse rimasto deluso da An End Has A Start, consiglio caldamente i Dragons; il timbro vocale è meno cupo di quello di Tom Smith (e quindi meno simile a quello di Ian Curtis) ed il suond meno “ortodosso”, ma l’eleganza con cui fondono le influenze di diversi gruppi storici della new wave (Bauhaus, Cult) li rendono irresistibili alle orecchie di chi, tanto per fare un esempio, non vede l’ora di vedere questo film.

P.S.: La cosa fantastica è non sono stato io a cercare i Dragons, ma loro a trovare me…

5 commenti - Categories: scaffali

…e aspetto un SMS come se piovesse #1

17 luglio 2007 - Author: velenero

Leggi la seconda parte

Una domenica pomeriggio di qualche settimana fa… mi arriva uno SMS da un numero che non conosco:

ciao cuginetta dove sei? io son tornata… tutto ok! un bacio a dopo.

Essendo quasi certo di non essere la cuginetta dell’anonima scrittrice, ritengo sia giusto avvertirla che ha sbagliato destinatario. Dopo circa un’ora mi arriva un altro suo SMS:

sì. infatti ho notato… mi sono sbagliata. grazie e scusami tanto!

A quel punto le rispondo che non c’è problema e poi mi metto a fare l’idiota dicendole che forse è stato il destino a farle sbagliare numero, in modo che io e lei ci conoscessimo… lei risponde:

scusa ma chi sei? posso sapere?

Ha abboccato! Ha abbocato! Molto tranquillamente le dico di chiamarmi Paco e di vivere a Bologna… le chiedo di presentarsi a sua volta, ma inaspettatamente:

posso solo dirti che mi sono laureata a bologna in giuri un anno fa ma nn vivo più là… per il resto non amo questi approcci mi dispiace!

Approcci??? Quali approcci? Le faccio notare che non voleva essere un approccio e che comunque era lei che aveva cominciato a scrivere a me e non viceversa… concludo seccamente il messaggio augurandole buona giornata. A quel punto lei è ormai totalmente succube e mi risponde:

anche tu hai ragione! comunque scusami nn volevo essere acida…

Le dico di non preoccuparsi, non avevo pensato neanche per un attimo che fosse acida… e aggiungo che forse, a questo punto, mi merito di sapere come si chiama…

…ma lei non risponde più.

La prima parte di questo post finisce qui… ne approfitto per lanciare un mini contest:

In base a quanto scritto dalla tipa negli SMS, secondo voi, quanti anni ha?

Leggi la seconda parte

17 commenti - Categories: contest, personaggi