Menu

Autista

Vendi la tua anima ad Aladar FFM:

MEEZ

Meez 3D avatar avatars games

Categorie

Archivio

Contatori

© 2012 BlogName - All rights reserved.

Firstyme WordPress Theme.
Designed by Charlie Asemota.

A Beethoven e Sinatra preferisco l’insalata…

23 ottobre 2009 - Author: velenero - Nessun commento

inneres_augeOggi Repubblica strombazza l’anteprima esclusiva del nuovo singolo di Battiato, in cui si citano i festini dei governanti.

Sicuramente la sua vena indignata funzionava meglio ai tempi di Povera Patria; in questo caso il testo è un po’ didascalico, ma, a parte ciò, sono contento che Battiato abbia scritto una canzone con un unico e chiaro senso di lettura.

Ricordo fascistelli e forzitalici cantare Povera Patria con la mano sul cuore o altri simpaticoni, che facevano il saluto romano ogni volta che vedevano una bandiera della pace, per poi andare ai concerti di Battiato “perché lui è di destra, sai? È un anti-moderno… e poi canta in latino!”

Questioni politiche a parte, il grande problema del Franco Battiato recente, diciamo da Ferro Battuto in poi, è che il suo cantato non ha più una linea melodica: scandisce le parole sempre sulla stessa nota o ne usa un paio, negando così al suo pubblico il ritornello accattivante. Il che è un peccato, perché, dal punto di vista dell’orchestrazione e dell’arrangiamento, i suoi ultimi brani sono molto interessanti e curati.

Aspetto comunque l’uscita dell’album Inneres Auge con molta curiosità, perché contiene una reinterpretazione di brani datatissimi o pubblicati solo come b side.

Categories: civitas, costumi, eventi, scaffali

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>