Menu

Autista

Vendi la tua anima ad Aladar FFM:

MEEZ

Meez 3D avatar avatars games

Categorie

Archivio

Contatori

© 2012 BlogName - All rights reserved.

Firstyme WordPress Theme.
Designed by Charlie Asemota.

Aladar FFM – Sapori di Germania

30 novembre 2009 - Author: velenero

Lungi da me fare una puntata sul Kraut Rock (anche se qualcuno apprezzerebbe)…

Ci limiteremo ad ascoltare un paio di canzoni prese dall’attuale panorama musicale tedesco. per il resto sarà la solita scaletta schizofrenica.

Stasera,  lunedì 30 novembre 2009, alle 21.00 su Radionation 1.

Come ascoltarci?

Aprendo questo link con il vostro player multimediale o, semplicemente, aprendo la home page di questo blog o, ancora più semplicemente, usando l’agile playerino volante.

Come comunicare con noi durante la diretta?

- via Gtalk o GMail: velenero(chiocciola)gmail(punto)com

- sul nuovo chan dedicato #RadioNation1, raggiungibile via web da qui, oppure tramite un client IRC da qui;

- oppure scrivendo o telefonando al mio contatto Skype.

Nessun commento - Categories: radio

L’opera dei pupi

27 novembre 2009 - Author: velenero

Da Repubblica di oggi (qui l’articolo completo):

Nella strada dove viveva ed è morta Brenda. Ieri le brigate Rosse e il delitto Moro, oggi Natalì e le sue colleghe. Un filo rosso sembra collegare tutto.

… sì… e a tirare i fili è Pietro Gambadilegno.

GAMBA

2 commenti - Categories: varie

Aladar FFM – Ombretta sdegnosa…

23 novembre 2009 - Author: velenero

Di recente ho scoperto che Ombretta Colli, prima di dedicarsi anima e corpo alla politica, ebbe addirittura occasione di collaborare con Franco Battiato…

“… e com’è possibile?” diranno i miei piccoli lettori.

Proveremo a dare una risposta a questo e altri interrogativi nella puntata odierna di Aladar FFM, mandando persino l’audio della fiction a cui Battiato e la Colli presero parte alla fine degli anni 80…

Stasera,  lunedì 23 novembre 2009, alle 21.00 su Radionation 1.

Come ascoltarci?

Aprendo questo link con il vostro player multimediale o, semplicemente, aprendo la home page di questo blog o, ancora più semplicemente, usando l’agile playerino volante.

Come comunicare con noi durante la diretta?

- via Gtalk o GMail: velenero(chiocciola)gmail(punto)com

- sul nuovo chan dedicato #RadioNation1, raggiungibile via web da qui, oppure tramite un client IRC da qui;

- oppure scrivendo o telefonando al mio contatto Skype.

Nessun commento - Categories: radio

Aladar FFM – Speak and spell

16 novembre 2009 - Author: velenero
C’è un genere musicale che qui in Italia non è mai stato abbastanza valorizzato lo spoken word, la declamazione di versi su un tappeto musicale.
Eppure, gli esempi italiani, anche di successo, non mancano: Massimo Volume, Offlaga Disco Pax.
In questa puntata passeremo in rassegna esempi di spoken word (italiani e non).
Stasera,  lunedì 16 novembre 2009, alle 21.00 su Radionation 1.

Come ascoltarci?

Aprendo questo link con il vostro player multimediale o, semplicemente, aprendo la home page di questo blog o, ancora più semplicemente, usando l’agile playerino volante.

Come comunicare con noi durante la diretta?

- via Gtalk o GMail: velenero(chiocciola)gmail(punto)com

- sul nuovo chan dedicato #RadioNation1, raggiungibile via web da qui, oppure tramite un client IRC da qui;

- oppure scrivendo o telefonando al mio contatto Skype.

Nessun commento - Categories: radio

Ecco com’è che va il mondo…

13 novembre 2009 - Author: velenero

Ho comprato un videogioco per PS2 da Ebay UK (Gran Bretagna… sì, insomma, Inghilterra!).

Dopo aver effettuato il pagamento, mi arriva una risposta automatica del venditore:

Hi,
Thank you for your payment.
We post daily Monday through to Friday
Please allow 2/3 Business days UK,
10/14 Business days for Europe,
14/21 Business days for,
Italy, Ireland & the rest of the world.

Ciao,
Grazie per il tuo pagamento.
Effettuiamo spedizioni tutti i giorni dal lunedì al venerdì.
Per favore, cosidera 2/3 giorni lavorativi per il Regno Unito,
10/14 giorni lavorativi per l’Europa,
14/21 giiorni lavorativi per,
Italia, Irlanda & il resto del mondo.

Sapere di essere insieme all’Irlanda nella stessa categoria del “resto del mondo” non aiuta ad attenuare il senso di amarezza… o, forse, è solo il caffè che ho appena bevuto?

Però… siamo i Campioni del Mondo!!! PO POPOPOPO POPO!!!!

4 commenti - Categories: civitas, costumi

Ritorno al futuro

- Author: ironic
Ieri mi sono scontrato con il concetto di digital divide sul mio pianerottolo.
Sono le otto di sera. Mi suona il vecchietto (80 e passa anni) che ci abita vicino e dato che settimana prossima  qui a Roma c’e’ il passaggio al digitale terrestre
mi chiede di aiutarlo a installare il decoder. Quindi smetto di fare quello che stavo facendo (stirare) e vado dal signor Guido.
Installo il primo decoder nel salone e tutto fila liscio: antenna da muro al box, scart dal box alla televisione e infine sintonizzazione (e, porca troia, prende piu canali di me).
Poi mi porta nel suo “studio” ovvero una stanza piena di qualsiasi forma di tecnologia dal 1960 ad oggi ma completamente devastata dal disordine: fili di qualsiasi tipo, spine,
cellulari, radioCB, antenne, lampadine, porta lampadine, tester, amperometri, saldatori, insomma una cosa alla ritorno al futuro ma piu’ incasinata.
Mi avvicino al totem televisore-videoregistratore-lettore DVD, televisore – amplificatore – televisore B/N(!) – box digitale terrestre e dalla parte posteriore comincio a sistemare tutti
i cavi cavetti, la meta’ buona dei quali e’ connessa su se stessa(!) o non e’ connessa. Per capirci, c’era un antenna, attaccata al video registratore, che era attaccatta a sua volta
ad un filo di una presa elettrica che usciva dal muro insieme ad un altro filo di antenna che usciva dal televisore B/N. Smadonno per 5 minuti buoni ma riesco a districarmi.
Manca il trasformatore del decoder.
Ne recupero uno universale che non usiamo a casa.
Sistemo ‘sta cosa.
Poi cerco un filo di antenna di almeno l’ultimo quinquennio che possa collegare dalla parete al televisore.
Non lo trovo ma ne avevo uno a casa.
Lo prendo. Lo porto. Glielo attacco.
CE L’HO FATTA! penso, ho connesso tutto come da manuale.
Non prende un cazzo. Lui mi fa: “non si preoccupi Ingegnere! Tanto berlusconi a me mi ha detto che non mi cambia niente.”
Io provo a spiegargli che non e’ proprio cosi, che da settimana prossima lui non vedra’ piu la televisione se non fa venire un antennista.
E lui: “ma berlusconi mi ha detto che tutto rimane cosi perche’ e’ una cosa pubblica e io sono pubblico!”.
“Vabbe”, gli dico e aggiungo che anche noi abbiamo problemi con l’antenna e che presto chiameremo un antennista e che quando passa gli chiedo
di dare un’occhiata anche alla sua stanzetta da “Doc” e caso mai quando passo dal meccanico gli chiedo pure se mi da uno spinteroggeno per la DeLorean…

Future_DeLorean

Ieri mi sono scontrato con il concetto di digital divide sul mio pianerottolo.

Sono le otto di sera. Mi suona il vecchietto (80 e passa anni) che ci abita vicino e dato che settimana prossima  qui a Roma c’è il passaggio al digitale terrestre mi chiede di aiutarlo a installare il decoder. Quindi smetto di fare quello che stavo facendo (stirare) e vado dal signor Guido.

Installo il primo decoder nel salone e tutto fila liscio: antenna da muro al box, scart dal box alla televisione e infine sintonizzazione (e, porca troia, prende piu canali di me).

Poi mi porta nel suo “studio” ovvero una stanza piena di qualsiasi forma di tecnologia dal 1960 ad oggi ma completamente devastata dal disordine: fili di qualsiasi tipo, spine, cellulari, radioCB, antenne, lampadine, porta lampadine, tester, amperometri, saldatori, insomma una cosa alla ritorno al futuro ma piu’ incasinata.

Mi avvicino al totem televisore – videoregistratore – lettore DVD – televisore – amplificatore – televisore B/N(!) – box digitale terrestre e dalla parte posteriore comincio a sistemare tutti i cavi cavetti, la meta’ buona dei quali e’ connessa su se stessa(!) o non è connessa. Per capirci, c’era un antenna, attaccata al video registratore, che era attaccatta a sua volta ad un filo di una presa elettrica che usciva dal muro insieme ad un altro filo di antenna che usciva dal televisore B/N. Smadonno per 5 minuti buoni ma riesco a districarmi.

Manca il trasformatore del decoder.

Ne recupero uno universale che non usiamo a casa.

Sistemo ‘sta cosa.

Poi cerco un filo di antenna di almeno l’ultimo quinquennio che possa collegare dalla parete al televisore.

Non lo trovo li, ma ne avevo uno a casa.

Lo prendo. Lo porto. Glielo attacco.

CE L’HO FATTA! penso, ho connesso tutto come da manuale.

Non prende un cazzo. Lui mi fa: “non si preoccupi Ingegnere! Tanto Berlusconi a me mi ha detto che non mi cambia niente.”

Io provo a spiegargli che non e’ proprio cosi, che da settimana prossima lui non vedra’ piu la televisione se non fa venire un antennista.

E lui: “ma Berlusconi mi ha detto che tutto rimane cosi perche’ e’ una cosa pubblica e io sono pubblico!”.

“Vabbe”, gli dico e aggiungo che anche noi abbiamo problemi con l’antenna e che presto chiameremo un antennista e che quando passa gli chiedo di dare un’occhiata anche alla sua stanzetta da “Doc” e caso mai quando passo dal meccanico gli chiedo pure se mi da uno spinteroggeno per la DeLorean…E lui mi risponde: “basta che non sia un poco di buono!”. “Non si preoccupi” gli dico io, “va in giro con un certificato di “bontà” che gli ha consegnato direttamente Berlusconi!”

2 commenti - Categories: varie

Aladar FFM – Die Berliner Mauer

8 novembre 2009 - Author: velenero
Se in ottobre si è celebrato il diciannovesimo anniversario della Germania unificata, lunedì 9 novembre si celebrano i 20 anni dalla caduta del Muro di Berlino.
I media tedeschi in questo periodo parlano molto dell’evento, intervistano chi c’era, chi ha combattuto per quel crollo, ma anche i negazionisti.
Nel suo piccolo Aladar prova a ripercorrere quel periodo attraverso una decina di canzoni.
Domani,  lunedì 9 novembre 2009, alle 21.00 su Radionation 1.

Come ascoltarci?

Aprendo questo link con il vostro player multimediale o, semplicemente, aprendo la home page di questo blog o, ancora più semplicemente, usando l’agile playerino volante.

Come comunicare con noi durante la diretta?

- via Gtalk o GMail: velenero(chiocciola)gmail(punto)com

- sul nuovo chan dedicato #RadioNation1, raggiungibile via web da qui, oppure tramite un client IRC da qui;

- oppure scrivendo o telefonando al mio contatto Skype.

Nessun commento - Categories: radio

Come capire se è l’uomo giusto…

6 novembre 2009 - Author: velenero

Che due palle quando devi mandare i feedback ad Amazon… servissero a qualcosa…!

Era da un po’ che meditavo di comprare Vita di Pi di Yann Martel, ma l’edizione italiana costa un botto (in più, stando a Francoforte, mi sarebbe costata anche due botti); così, una volta realizzato che sono abbastanza fluent in inglese, mi convinco di poter fare l’azzardo di comprarlo in lingua originale.

Lo trovo usato su Amazon per 1 centesimo.

O meglio, 1 centesimo = il costo del libro, più 3 euro = il costo della spedizione. Ad ogni modo si tratta di una cifra ridicola.

Dopo una settimana il pacco arriva e dentro c’è un altro libro.

Scrivo al venditore: non mi caca.

Gli riscrivo e dico che se non mi risponde, sarò costretto a dargli un feedback negativo: non mi caca.

Allora avvio la pratica di feedback negativo e Amazon mi avverte che sto per fare una cosa grave nei confronti del venditore e che quindi devo essere sicuro di quello che sto facendo… mi chiede, allora, di spiegare in dettaglio cos’è successo…

Com’è andata a finire?

Un cazzo. Non succede più nulla.

Nè il venditore nè Amazon mi hanno fatto sapere più una minchia.

Il venditore sta ancora lì, Amazon pure.

Ed io mi ritrovo ad avere in casa una copia di una merda immonda di libro dal titolo How to know if he’s the right man.

Che faccio, lo regalo a Piero Marrazzo?

4 commenti - Categories: costumi, storielline zen