Menu

Autista

Vendi la tua anima ad Aladar FFM:

MEEZ

Meez 3D avatar avatars games

Categorie

Archivio

Contatori

© 2012 BlogName - All rights reserved.

Firstyme WordPress Theme.
Designed by Charlie Asemota.

Himmel in tedesco vuol dire “cielo”…

21 luglio 2010 - Author: velenero - 2 commenti

È di ieri la notizia del via libera a Sky sul digitale terrestre.

Ed è buffo che il gruppo privato che detiene il monopolio di fatto del dtt, si sia messo a frignare e a minacciare ricorsi alla corte europea.

Intendiamoci, Rupert Murdoch non è il salvatore del sistema radiotelevisivo italiano; ma in un paese come l’Italia, in cui tutto è fermo dal 1991 (la famigerata legge Mammì e le altre leggi fantoccio fatte in seguito), uno scossone del genere non può che fare del bene.

Pensando al bordello televisivo italiano, non posso non fare i paragoni con quello tedesco…

Segue una lista di trivia:

- La televisione pubblica consta di due grandi network (ARD e ZDF), finanziati con il canone e in concorrenza tra loro (sembra quasi un film di fantascienza, no?);

- La televisione commerciale è dominata da due colossi dell’intrattenimento il gruppo ProSieben e il gruppo RTL (che opera direttamente in tutti i paesi europei, tranne che in Italia… chissà perché…?);

- Oltre ai due grandi colossi privati, esistono realtà televisive più piccole (come Tele5, che una volta era di proprietà di un imprenditore italiano), ma ugualmente godibili, che trasmettono film, cartoni, programmi d’intrattenimento (e non solo programmi che parlano di calcio e televendite come avviene in Italia);

- Murdoch è arrivato anche qui e ha trasformato la piattaforma satellitare Premiere in Sky Deutschland; nè la tv pubblica; nè i due grandi colossi privati si sono sognati di creare una loro piattaforma satellitare per ripicca;

- La Germania è stato il primo paese, negli anni 50, ad investire nella televisione via cavo (inizialmente usavano le microonde…). Attualmente ci sono una serie di società che operano su base regionale e che forniscono servizi capillari e omnicomprensivi (telefono, tv, internet).

- Il passaggio da tv analogica a tv digitale è stato rapido, indolore e quasi non percepito: niente minacce di switch off, niente decoder prodotti dal fratello del Presidente del Consiglio pagati con soldi pubblici, niente problemi di frequenze o di ricezione del segnale.

Tutte queste stranezze appena elencate sono dovute dal fatto che qui i soggetti che operano nel settore televisivo, lo fanno in un regime di “libero mercato” (parola con cui ci si riempie la bocca molto spesso in Italia), dove lo Stato eroga un servizio pubblico ed al contempo è giudice imparziale…

E soprattutto, vi suonerà strano, ma Angela Merkel non è la proprietaria di RTL o di ProSieben, nè di nessun altro gruppo televisivo…

Categories: civitas, costumi

Discussion (2 commenti)

  1. by Antonio B.

    Cielo, la concorrenza!

  2. by alexdelarge

    la cosa più ridicola (nel senso che appena l’ho letta mi ha fatto sganasciare) è stata questa (fonte apcom):

    “Mediaset – si legge in una nota – è assolutamente sconcertata della decisione presa oggi dalla Commissione Europea. Riteniamo che le condizioni fissate dalla Commissione nel 2003 che impedivano a Sky di entrare nella tv digitale terrestre sino al 2012 in virtù della sua posizione dominante sul mercato pay, siano ancora valide come del resto il market test svolto tra tutti gli operatori italiani ha sostenuto”.

    Analizziamo l’ultima parte della frase /posizione dominante sul mercato pay/.

    mediaset vuole far ricorso perchè sky è dominante sul mercato pay..ma pay di cosa? sul satellite, semmai: di sicuro non sul digitale terrestre (che è già obsoleto prima di nascere…).

    “Con questa decisione – prosegue Mediaset – si autorizza il monopolista della televisione satellitare e pay, non dimentichiamo che Sky detiene il 99,8% della pay tv satellitare e l`86% della tv a pagamento, a operare nel mercato free e lo si autorizza a entrare in possesso degli asset frequenziali già insufficienti per gli operatori attuali”.

    Questa poi è geniale: a parte che se uno non è un tecnico non capisce un cazzo fra asset frequenziali e mercato free… si parla di monopolista della televisione. Sarebbe simpatico fare dei confronti, a percentuali, sul monopolista della tv generalista…comincerà mica per B.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>