Menu

Autista

Vendi la tua anima ad Aladar FFM:

MEEZ

Meez 3D avatar avatars games

Categorie

Archivio

Contatori

© 2012 BlogName - All rights reserved.

Firstyme WordPress Theme.
Designed by Charlie Asemota.

A Beethoven e Sinatra preferisco l’insalata…

23 ottobre 2009 - Author: velenero

inneres_augeOggi Repubblica strombazza l’anteprima esclusiva del nuovo singolo di Battiato, in cui si citano i festini dei governanti.

Sicuramente la sua vena indignata funzionava meglio ai tempi di Povera Patria; in questo caso il testo è un po’ didascalico, ma, a parte ciò, sono contento che Battiato abbia scritto una canzone con un unico e chiaro senso di lettura.

Ricordo fascistelli e forzitalici cantare Povera Patria con la mano sul cuore o altri simpaticoni, che facevano il saluto romano ogni volta che vedevano una bandiera della pace, per poi andare ai concerti di Battiato “perché lui è di destra, sai? È un anti-moderno… e poi canta in latino!”

Questioni politiche a parte, il grande problema del Franco Battiato recente, diciamo da Ferro Battuto in poi, è che il suo cantato non ha più una linea melodica: scandisce le parole sempre sulla stessa nota o ne usa un paio, negando così al suo pubblico il ritornello accattivante. Il che è un peccato, perché, dal punto di vista dell’orchestrazione e dell’arrangiamento, i suoi ultimi brani sono molto interessanti e curati.

Aspetto comunque l’uscita dell’album Inneres Auge con molta curiosità, perché contiene una reinterpretazione di brani datatissimi o pubblicati solo come b side.

Nessun commento - Categories: civitas, costumi, eventi, scaffali

Il film di Yattaman

19 febbraio 2009 - Author: velenero

Yattaman non è solo un cartone animato. Per la generazione dei trentenni questo anime ha un valore sentimentale importantissimo, non tanto per l’anime in sè, quanto perché vorrei sapere se c’è un solo maschio eterosessuale nato nella metà degli anni 70 che, all’epoca, non si faceva le pippe pensando a Miss Dronio.

Comunque, ricordi pre-puberali a parte, il geniale regista Miike Takashi, ha finito di girare un film su Yattaman con attori in carne ed ossa, che verrà distribuito in Giappone il 7 marzo 2009.

Chissá se ci sarà la possibilità di vederlo al FEFF…?

Ecco il video della sigla italiana dell’anime:

The video cannot be shown at the moment. Please try again later.

Ed ecco il trailer del film:

The video cannot be shown at the moment. Please try again later.

2 commenti - Categories: 100% suino, eventi, feticci, scaffali

A questo punto ti dirò (cosa ne penso io al riguardo)

14 luglio 2008 - Author: velenero

Troppa gente è convinta che dal Salento arrivino solo il Negramaro e i Negramaro.

Fortuna che ci sono (o c’è?) Il Genio, duo composto da Alessandra Contini e Gianluca De Rubertis, salentini trapiantati al nord, con una spiccata indole alla creazione di brani elettropop, che ti entrano in testa e non ne escono più.

Certa blogosfera li accomuna erroneamente ai Baustelle…  forse per le suggestioni anni 70 o per gli ammiccamenti a Serge Gainsbourg, ma è più un paragone di testa che una vera similitudine nel sound.

Tanto per cambiare, li ho scoperti su Myspace qualche mese fa ed è stato amore al primo ascolto: vedere un loro concerto era diventata una priorità, un po’ come aspettarli al varco per capire quanto funzionassero dal vivo (grande problema di diverse band italiane e non…)

La prova l’hanno superata splendidamente, riuscendo a coinvolgere un pubblico inizialmente perplesso, grazie ad una scaletta dei brani purtroppo breve (hanno solo un album all’attivo), ma ben calibrata.

Se tutto va come previsto, li avrò ospiti in settembre, quando ricomincerà Aladar. Nell’attesa, consiglio di spulciare nella lista dei loro prossimi spettacoli se c’è una data in qualche posto a voi vicino, ne resterete deliziati (soprattutto se Alessandra ha gli shorts che aveva ieri sera… coff…)

Piccola postilla: da circa un mese è in circolazione un disco tributo ai Diaframma intitolato Il Dono, a cui, oltre ai Marlene Kunz, Tre Allegri Ragazzi Morti, ecc., ha partecipato anche Il Genio.

3 commenti - Categories: incontri, personaggi, scaffali

La Sawttimana Enigmistica

8 maggio 2008 - Author: velenero

Ieri sono andato in uno splendido cinema di periferia a vedere Saw IV di Darren Lynn Bousman.

Avevo avuto la possibilità di vederlo tempo fa in lingua originale, ma, nonostante il mio egregio inglese, avevo preferito aspettare la versione italiana, perché in questa serie la trama è già contorta di suo, quindi è meglio ottimizzarne l’intellegibilità.

Quando uscì il primo Saw – L’enigmista, ero incredibilmente scettico… pensavo all’ennesimo horrorino da fighette (cit.), tipo il remake di Non aprite quella porta et similia; poi, su pressioni "vaginali", fui costretto a vedere tutti e tre i capitoli d’un fiato.

Che sorpresa!

Il primo Saw era un film ben scritto, ben diretto e ben interpretato, con una cifra stilistica forte ed un’estetica immediatamente riconoscibile (date un’occhiata al sito ufficiale per farvene un’idea).

Di solito, chi va a vedere un film horror cerca suspense ed un po’ di sano budello; la serie di Saw offre entrambi in abbondanza: i colpi di scena montati sapientemente all’interno del flusso narrativo e le atrocità mostrate fin nei mini dettagli (a differenza di certe produzioni che, ipocritamente, lasciano la macelleria fuori campo).

A dire la verità, la trama di Saw II era meno potente di quella del primo, ma la tensione si è risollevata  con il terzo capitolo.

Dicevo che i Saw sono dei film ben scritti (cosa rarissima per le produzioni hollywoodiane contemporanee) ed hanno due particolarità: ogni capitolo comincia esattamente dove finiva il precedente ed è fruibile anche da chi non ha visto tutta la serie (certo, avendo visto anche gli altri si apprezzano più particolari).

Detto ciò, Saw VI  Saw IV è un film che dal punto di vista figurativo regala diversi colpi allo stomaco; il meccanismo della trama è ormai noto e quindi coinvolge un po’ meno; rimane la curiosità di sapere come faranno proseguire la trama  nel quinto episodio…

Sì, ci sarà anche il quinto episodio… uscirà in autunno.

6 commenti - Categories: scaffali, varie

Nulla di umano può amare per sempre…

24 aprile 2008 - Author: velenero

Quando vidi per la prima volta Miriam si sveglia a mezzanotte, i Bauhaus si erano sciolti già da un pezzo…

Avevo 13 anni, non li conoscevo ancora e, probabilmente, non sarei riuscito ad apprezzare la loro musica…

Apprezzavo già abbondantemente, invece, le nudità di Susan Sarandon… e l’elegantissima scena lesbo con Catherine Deneuve…

Lo stavano mandando su RaiTre, in una calda seconda serata d’estate; mia madre, che supervisionava di nascosto ciò che guardavo in tv, mi disse di filare a letto e di smetterla di guardare quelle porcherie…

Lo recuperai un paio d’anni dopo, noleggiando la videocassetta… finalmente seppi come andava a finire.

Dopo una fugace apparizione, il DVD di questo film è finito immediatamente fuori catalogo…

Riappare misteriosamente adesso in edicola, grazie a CIAK.

E’ un film da avere assolutamente per una serie di motivi… ne elenco qualcuno:

  • E’ l’unico film bello di Tony Scott (beh, forse anche Una vita al massimo non è male…);
  • ci sono David Bowie, Catherine Deneuve e Susan Sarandon (tutti e tre bellissimi);
  • ha un approccio alquanto originale all’argomento vampiri;
  • l’incipit di questo film è la quintessenza dell’estetica darkwave;
  • ha dato vita ad un’interessante serie televisiva;
  • nel DVD, tra gli extra, c’è un ottimo commento audio del regista e della Sarandon.

3 commenti - Categories: l autre visage du cinéma, scaffali

Habemus Bumba!

20 febbraio 2008 - Author: velenero

Segnalo con tre giorni di ritardo (ero all’estero) che è arrivato "l’anno del cazzo"!

La prossima settimana avrò l’onore di vedere in esclusiva il primo lungometraggio di Senesi Michele, Bumba Atomika

…e non sarà per questioni di amicizia, ma perché mi è stata affidata la realizzazione del DVD…

Sarà una settimana da incubo, durante la quale il regista mi ossessionerà con le sue manie di perfezionismo (al confronto Stanley Kubrick era una pippa!)…

…ma ce la faremo! (e pubblicherò una recensione in anteprima)

 

4 commenti - Categories: eventi, scaffali

Notizie dal futuro

6 febbraio 2008 - Author: velenero

Venerdì 8 febbraio 2008 esce Bachelite, il nuovo disco degli Offlaga Disco Pax (qui il sito ufficiale, qui la pagina di MySpace e qui il blog).

Posso anticiparvi che è un disco splendido ed appassionato e che il brano Lungimiranza è una figata pazzesca!

3 commenti - Categories: feticci, scaffali